ALLERTA DI PROTEZIONE CIVILE N.131/2014 DEL 30/08/2014 - Comune di Riolo Terme

Skip to main content
 
 
 
 
 
 
Sei in: Home / ARCHIVIO NOTIZIE / ALLERTA DI PROTEZIONE CIVILE N.131/2014 DEL 30/08/2014  
Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Invia per email
 

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE VENTO - PIOGGIA/TEMPORALI - STATO DEL MARE - CRITICITÀ IDRAULICA

 

DESCRIZIONE

A partire dalla serata di domenica 31 agosto la discesa di un minimo depressionario sulla Penisola Italiana darà luogo a precipitazioni a carattere temporalesco, inizialmente sui settori di pianura adiacenti al Po, per poi estendersi durante la notte al resto del territorio regionale.

EVOLUZIONE:

In tutte le macroaree potranno verificarsi temporali locali di moderata/forte intensità. l temporali saranno in attenuazione ed esaurimento sul settore centro-occidentale già nel corso della mattina di lunedì 1 settembre, mentre sulla Romagna persisteranno fino alla tarda serata.

Il massimo accumulo medio areale, pari a circa 30 mm/24 ore, sarà raggiunto nelle macroaree A e B. Ai temporali potranno essere associati fulminazioni, raffiche di vento ed eventi grandinigeni.

Il vento è previsto con direzione di provenienza da N-NE e sarà in forte intensificazione nella notte tra domenica e lunedì, con valori massimi compresi tra i 35-45 nodi (65 km/h - 85km/h) sulla fascia costiera, 45-50 nodi (85 km/h -93 kmlh ) sui rilievi orientali, mentre sui rilievi centro occidentali non sono previsti valori superiori ai 35 nodi (65 km/h).

Successivamente la ventilazione è prevista in progressiva attenuazione.

Nella giornata di lunedì si prevede un aumento del moto ondoso, che potrà raggiungere valori di altezza dell'onda al largo superiori ai 2,5 m, mentre sottocosta i valori saranno prossimi a 2,5 m. All'intensificazione del moto ondoso potrà quindi essere associato il rischio di mareggiate sulla fascia costiera.

TENDENZA NELLE SUCCESSIVE 48 ORE:

attenuazione

EFFETTI ATTESI:

Possono verificarsi rapidi innalzamenti dei livelli dei corsi d'acqua minori con limitati fenomeni di inondazione delle aree limitrofe.

Sono possibili fenomeni di erosione superficiale, smottamenti, piccole colate, caduta di massi che potrebbero causare danni ad edifici e interruzione della viabilità.

Nelle aree urbane, sono possibili fenomeni di allagamento localizzato, per incapacità di smaitimento del reticolo idrografico secondario e urbano, che potranno interessare viabilità, sottopassi, canali tombati, scantinati e zone depresse in genere. Sono possibili anche locali interruzioni della viabilità in seguito a caduta di alberi, segnaletica stradale e pubblicitaria, intasamento della rete di raccolta e smaltimento delle acque, e sospensione dei servizi di erogazione di fornitura elettrica e telefonica in seguito a danni alle linee aeree.

Possono verificarsi localmente danni alle strutture di pertinenza delle abitazioni (tettoie, pergolato, dcc), impianti o infrastrutture di tipo provvisorio (tendoni, installazioni per Iniziative commerciali, sociali, culturali, strutture di cantiere, strutture balneari ecc.).

Possono verificarsi mareggiate con fenomeni di erosione costiera ed il possibile interessamento degli stabilimenti balneari.

Possono essere localmente sommersi i moli e le dighe foranee e risultare difficoltose le attività che si svolgono in mare ed il funzionamento delle infrastrutture portuali.

 

NORME DI COMPORTAMENTO INDIVIDUALE:

Si consiglia di mantenersi costantemente informati sull'evolversi della situazione, prestando attenzione alle "Allerta di protezione civile" e agli avvisi diffusi attraverso strumenti e mezzi di comunicazione.

Si consiglia di seguire le indicazioni fornite dalle autorità.

Si raccomanda ai gestori di attività all'aperto di sistemare e fissare gli oggetti suscettibili di essere danneggiati.

Si raccomanda a chi risiede o svolge attività in aree individuate a rischio, di mettere In atto le necessarie preindividuate misure di autoprotezione  e di non accedere a moli e dighe foranee.