PAC 2014-2020 – Gli agricoltori chiedono - Comune di Riolo Terme

Vai ai contenuti principali
 
 
 
 
 
 
Sei in: Home / ARCHIVIO NOTIZIE / PAC 2014-2020 – Gli agricoltori chiedono  

PAC 2014-2020 – Gli agricoltori chiedono

 
Una foto della sala

I cambiamenti della PAC per quella che sarà la nuova programmazione 2014-2020, influenzeranno fortemente il futuro dell'agricoltura, e questo dipenderà in modo particolare dai risultati del negoziato che si aprirà a Bruxelles il prossimo 11 aprile. Su questo importante tema si è svolto venerdì 5 aprile a Riolo Terme, in attesa dell'avvio della 6° edizione di AgRiolo, prevista per il 12-13-14 aprile, il dibattito dal titolo: "PAC 2014-2020 – Gli agricoltori chiedono".

Il convegno, organizzato dai comitati promotori della manifestazione AgRiolo: F.A.T. AGRI e Pro Loco; con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale, è stato un momento di incontro sulla nuova Politica Agricola Comunitaria tra gli agricoltori, le Associazioni Agricole ed i rappresentanti dell'Assessorato Agricoltura dell'Emilia-Romagna.

Il dibattito è stato preceduto dalla consegna, da parte del Sindaco Alfonso Nicolardi, di un Riconoscimento al cittadino riolese Carlo Malavolta, Funzionario del Servizio Percorsi di qualità e relazioni di mercato della Regione Emilia-Romagna. Successivamente i relatori hanno cercato di spiegare quale sia la complessa situazione attuale che riguarda le modifiche della PAC a livello europeo.

Entrando nel vivo del programma il Dott. Valtiero Mazzotti, Direttore Generale “Agricoltura” della Regione, ha focalizzato l'attenzione sugli effetti e sulle differenze dell'applicazione della PAC, precedente programmazione, tra il primo ed il secondo pilastro; integrando con le possibili strategie regionali.
Denis Pantini, Responsabile Area Agroalimentare di Nomisma, ha focalizzato l'attenzione sulle differenze, in sede di contrattazione e di prossima apertura dei cosiddetti “triloghi” a livello Comunitario, tra le proposte di Commissione, Parlamento e Consiglio, relativamente al primo pilastro.
La Dott.ssa Teresa Schipani - Funzionario del Servizio Programmi, Monitoraggio e Valutazione dell’Assessorato Agricoltura della Regione Emilia – Romagna, ha invece illustrato le probabili modifiche previste sul secondo pilastro, cioè le scelte strategiche che ricadranno sullo sviluppo rurale.
Antonio Venturi, Responsabile Politiche Agricole e Sviluppo Rurale della provincia di Ravenna ha concluso il dibatto riportando il punto di vista provinciale e illustrando le aree decisive per l'agricoltura del territorio della Provincia di Ravenna.

Ciò che è emerso in modo particolare è l'esigenza di una Politica Agricola Comunitaria in grado di valorizzare l’agricoltura di qualità, promuovere una vera sostenibilità ambientale, favorire il rafforzamento delle aziende agricole e l’ingresso di giovani agricoltori, sostenere gli investimenti necessari ad aumentare la competitività delle imprese e ridurre concretamente il carico burocratico per gli imprenditori.

A conclusione della serata i ragazzi dell'Istituto alberghiero P. Artusi di Riolo Terme, hanno accolto i partecipanti con stuzzichini accompagnati dai vini dei produttori agricoli locali.

 
Gli interventi dei relatori:
La politica agricola comune (1.614kB - PDF)

a cura di Valtiero Mazzotti, Direttore generale Agricoltura della Regione Emilia-Romagna.

 

a cura di Denis Pantini, Repsonsabile Area Agroalimentare - Nomisma

 

a cura di Teres Schipani della Regione Emilia-Romagna

 

a cura di Antonio Venturi, Responsabile politiche agricole e sviluppo rurale della Provincia di Ravenna.